Il Commendator Enzo Ferrari e le vetture Peugeot

Non tutti sanno che le vetture preferite da Enzo Ferrari erano le vetture del Leone. Vi giriamo una testimonianza importante di chi ha operato direttamente in Ferrari e ricorda aneddoti e racconti, legati alle vetture Peugeot quali presenza fisse a Maranello.

Il Sig.Dino Tagliazucchi ha lavorato con Enzo Ferrari dal 1966 fino al 1997, anno in cui andò in pensione. Iniziò a lavorare presso la Ferrari come assistenza al reparto sportivo con la mansione di meccanico. Dopo 4 mesi passati al reparto Sport, Ferrari lo trasferisce al Centro Assistenza di Trento e Trieste per imparare dove lavorò per altri 6 mesi prima di essere assunto a tempo indeterminato. Da li a poco, verrà trasferito a Modena dove diventerà autista privato della famiglia Ferrari. L’auto privata di Dino Tagliazucchi era una Peugeot 404 di famiglia e quando iniziò il lavoro come autista privato guidava sempre una Peugeot 404 ma questa volta grigia. Seguì nel 1970 una Peugeot 504 Berlina, poi una 504 Coupé. Enzo Ferrari amava le Peugeot perché secondo lui erano auto di grande importanza e affidabilità e perché aveva un personale rapporto di stima con Pininfarina. Dino Tagliazucchi, racconta che ai semafori il commendatore ordinava di partire sempre per primi come in Formula 1. Secondo Enzo Ferrari le Peugeot erano scattanti: “Più delle Fiat“, esclamò una volta.

Vi proponiamo il video girato il 23 gennaio 2013 a Dino Tagliazucchi con annessa intervista fatta da parte del Segretario del Club, Fabrizio Taiana.

Quando è entrato in Ferrari? Nel 1966 e vedevo Enzo Ferrari utilizzare per i suoi spostamenti quotidiani una Peugeot 404 berlina. 

Girava con l’autista? Girava sempre con una persona che dal febbraio 1969 a quando è morto ad agosto 1988 sono stato io. Fino al 1972 guidava lui e io di fianco, poi a seguito di un malessere al ginocchio ha deciso di far guidare sempre me.

Andavate lontano con la vettura? Veniva usata per spostamenti in zona e per viaggi nel raggio dei 200-300km come ad esempio il circuito di Monza.

Come era la 404 berlina? Era grigio metallizzato con interno in pelle beige e la radio. Aveva fatto mettere la modifica del cambio a cloche Nardi con relativo volante e il frontale era stato modificato inserendo le frecce con antinebbia della Lancia Flaminia.

Come Enzo Ferrari ha conosciuto le vetture Peugeot? Lui era in ottimi rapporti con Pininfarina il quale disegnava le Peugeot poi, nel modenese, Martino Severi della concessionaria Peugeot Interauto gliele consegnava. 

Mi era giunta voce che fossero stati dei parenti a fargli apprezzare le Peugeot, le risulta? Una sorella della moglie abitava a Marsiglia o a Nizza e quindi è possibile che siano venuti a Modena con una Peugeot.

La Peugeot 404 Break a servizio della Squadra Corse Ferrari

Per quanto tempo la Peugeot 404 è stata la vettura quotidiana di Enzo Ferrari? Poco dopo che sono arrivato io, nel 1969 circa è stata sostituita con una Peugeot 504 berlina, azzurro scuro metallizzato con interno beige, senza tetto apribile e senza ulteriori modifiche. La guidava spesso lui, io di fianco e nel caso sul sedile posteriore si accomodavano gli ospiti o la guardia del corpo.

Sono seguite altre Peugeot? Sì, nel 1970 o 1971 è arrivata in sostituzione una 504 Coupé prima serie azzurra con interno azzurro in velluto, una vettura molto confortevole e affidabile. La vettura è stata poi sostituita verso il 1973 e successivamente utilizzammo vetture del Gruppo Fiat.

Quali altre vetture usava quotidianamente Enzo Ferrari? In inverno, soprattutto con la neve preferiva guidare con la trazione anteriore, quindi utilizzava con piacere la ‘Austin Mini Cooper’ che gli aveva regalato Issigonis, il padre della Mini . Poi aveva una Ferrari 365 GT che però usava perlopiù come auto di rappresentanza.

©2013 – Fabrizio Taiana/Club Storico Peugeot Italia – ®2013 – Autodromo di Modena

Tutte le news

Vuoi la newsletter del Club per rimanere aggiornato?

RICHIEDILA GRATUITAMENTE

ASSOCIATI al Club Storico Peugeot Italia

ASSOCIATI AL CLUB